Un amico, un atleta, un tifoso

Cari amici solidali, quando si ricorda una persona scomparsa, tutti gli aggettivi sono buoni...io alla Corri per Carlo non ho usato parole, ma ho voluto onorare il tifoso indossando per lui, e solo per lui la bandana della Lazio.

Come voi sapete il mio tifo è per la Roma, ma, il ricordo di quella chiacchierata sul bus che da Campotosto ci riportava a casa, è indelebile, fatta di ricordi più o meno lieti di atletica e di calcio.

Nonostante la lontananza di idee calcistiche un filo conduttore ci accomunava, cioè, il desiderio di vedere primeggiare le nostre squadre nei primi posti del campionato.

La discussione filò liscia, senza vincitori né vinti, e credo che, per la prima volta ho ammirato un tifoso della Lazio, per come vedeva e pensava il calcio in genere.

Le parole lasciano il tempo che trovano, e nella sua corsa gli ho voluto fare questo omaggio, che va oltre il tifo.

Tutti gli arancioni della Podistica Solidarietà e della Running Evolution con la canotta dedicata a Carlo.

Un tributo che va ad un atleta serio e gioviale.

Con questo vi saluto...
il vostro marciatore Romano